..Città in rete è un'associazione culturale che si occupa di indagare gli aspetti territoriali delle città sotto il profilo urbanistico, sociale, economico ed ambientale

Statuto

Statuto
Statuto

lunedì 30 dicembre 2013

Giocando si IMPara, vietando si IMPone

ph. Salvatore Abruscato
Non sarà certamente un cartello di divieto al gioco che educherà, soprattutto le nuove generazioni, a rispettare gli spazi pubblici
I bambini che giocano a pallone, per le strade e nelle piazze, hanno sempre fatto parte dell'ambiente urbano, tipico dei piccoli centri ma anche, in diverse forme, delle città più popolate.

Giocando, i bambini, ma anche gli adulti, socializzano, imparano cose nuove a vicenda (buone e cattive) e qualche regola non necessariamente scritta su un libro (o su un cartello). Insomma, pur nel loro piccolo imparano a vivere e crescere. Farlo, avendo rispetto degli altri, è cosa ben diversa che proibire. Pertanto, non è tanto un problema di schiamazzo, ma di educazione e cultura.

Salvatore Abruscato

mercoledì 25 dicembre 2013

QUALCOSA contro la cultura mafiosa

E' importante parlare di mafia, 
soprattutto nelle scuole, 
per combattere contro la mentalità mafiosa, 
che è poi qualunque ideologia disposta 
a svendere la dignità dell'uomo per soldi.
Non ci si fermi però ai cortei, 
alle denunce, alle proteste.
Tutte queste iniziative hanno valore ma, 
se ci si ferma a questo livello, sono soltanto parole.
E le parole devono essere confermate dai fatti

Beato Padre Pino Puglisi
"E se ognuno di noi fa qualcosa, allora si può fare molto..."
(Beato Padre Pino Puglisi)

Segnaliamo volentieri la presentazione del libro di Francesco Palazzo, Augusto Cavadi e Rosaria Cascio, sul sacerdote ucciso dalla mafia nel quartiere di Brancaccio a Palermo (1993).

Titolo del libro: "Beato fra i mafiosi. Don Pino Puglisi: storia, metodo, teologia".

L'incontro avrà luogo a Palermo, il 28 dicembre 2013 alle ore 18:00, presso la sede dell'Associazione Quelli della Rosa Gialla, via San Ciro, 21.
Saranno presenti gli autori.

martedì 24 dicembre 2013

Urbanism now

Giornale di Sicilia (18/12/2013)

Il 17 - 1819 dicembre, presso la Real Fonderia di Palermo, un gruppo di studenti e professionisti in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale, hanno avuto modo di confrontarsi con la cittadinanza sui seguenti temi: riqualificazione e progettazione urbana, governo del territorio, spazi pubblici, urbanistica partecipata, servizi, infrastrutture, mobilità, barriere architettoniche, sviluppo sostenibile del territorio, quartieri e possibili risorse culturali, sociali ed economiche, etc..

L'associazione Città in rete, insieme ad altre organizzazioni, è stata inclusa nel quadro dei soggetti del processo partecipativo, dando un supporto agli organizzatori e contribuendo al successo della mostra, che si è rivelata una esperienza positiva sia dal punto di vista culturale e professionale nonché dal punto di vista dei rapporti interpersonali, condividendo saperi, esperienza e professionalità.

L'occasione della mostra ha permesso di far conoscere la figura del Pianificatore Territoriale, interagendo con chi è venuto a visitarla. Numerose, infatti, sono state le idee e proposte concrete, che sono state avanzate e discusse insieme alla cittadinanza durante il "giro degli elaborati". 

Perchè tutto questo?

perchè vogliamo che le persone, oltre a conoscere e capire di cosa stiamo parlando, siano messe nelle condizioni di poter esprimere il loro punto di vista e condividerlo.

Salvatore Abruscato

lunedì 18 novembre 2013

Pianifica Palermo: verso una città condivisa

Vi segnaliamo la mostra di progetti sulla città che si terrà alla Real Fonderia di Palermo dal 17 al 19 dicembre 2013. I progetti in esposizione sono frutto del lavoro di studenti e laureati in Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale di Palermo. I temi che verranno portati a conoscenza della cittadinanza riguardano la riqualificazione e progettazione urbana, la partecipazione, la mobilità, la valorizzazione delle risorse locali e lo sviluppo sostenibile. Le tre giornate saranno aperte al dialogo e al confronto con tutti i cittadini. In particolare sono previsti momenti di discussione con istituzioni, associazioni e realtà culturali e giovanili, rispettivamente il 17, 18 e 19 dicembre.

Pianifica Palermo sarà una manifestazione culturale oltre che una mostra espositiva di elaborati; un'occasione per rendersi consapevoli del potenziale tecnico-scientifico, ma anche socio-economico e culturale, della pratica urbanistica e delle sue capacità nel generare dinamiche di rigenerazione e rifunzionalizzazione della città e degli elementi urbani e territoriali che la compongo, quali servizi, spazi pubblici, attività, imprese, attrezzature, arredo urbano, verde, etc.

Partecipiamo quindi numerosi, per generare insieme le basi per una città condivisa.

Organizzatori della mostra: 
Gruppo di studenti e laureati in PTUA di Palermo 
In collaborazione con:
Assessorato alla Partecipazione e Decentramento del Comune di Palermo e UNIPA



Pianifica Palermo

martedi 17 
h 16:00 - 19:00
mercoledi 18 
h 9:30 - 13:00 / 15:00 - 19:00 
giovedì 19 
h 9:30 - 13:00 / 15:00 - 19:00

Fonderia Reale
Piazza Fonderia
Palermo



Per altre info clicca qui

giovedì 31 ottobre 2013

Seconda edizione di Fa' la cosa giusta! Sicilia

Seconda edizione di Fa' la cosa giusta in Sicilia a Palermo. Tre giornate dedicate al consumo critico e agli stili di vita sostenibili

Segnaliamo con particolare attenzione il convegno previsto il 9 novembre, presso la Sala De Seta, su Economia Civile e Beni Comuni (a cura di AVOLABPresidenza del Consiglio Comunale di PalermoIdea e Azione e MPPU)Relatori: Irene Giordano, Leonardo Becchetti, Giuseppe Vecchio, Stefano Zamagni, Gaetano Giunta, Antonio Gentile, Ambrogio Vario, Gaetano Cappadona.


Appuntamento, quindi, nei giorni 8 - 9 - 10 novembre 2013 presso i Cantieri Culturali della Zisa di Palermo.

Per ulteriori info:

martedì 22 ottobre 2013

Planning and nature in Riverside

Riceviamo e con piacere pubblichiamo il contributo inviatoci da Henry A. Calamia1 sul villaggio di Riverside (Illinois, USA), probabilmente la prima comunità pianificata negli Stati Uniti su progetto di Frederick Law Olmsted e Calvert Vaux (già progettisti del Central Park di New York, 1863-1870). Un'esperienza di pianificazione urbana sicuramente interessante e in sintonia con gli eventi di fine XIX secolo, periodo in cui negli Stati Uniti si sviluppò il City Beautiful Movement, di matrice estetica e paesaggistica, i cui principi ebbero ripercussioni in occasione dell’Esposizione Universale di Chicago2 (1893) nonché sulle origini del Piano regolatore di Chicago (Daniel H. Burnham e Edward H. Bennet, 1909). 

1. Henry Calamia vive e lavora a Riverside, Illinois, e recentemente ha ultimato un romanzo sulle partite truccate nel calcio italiano / lives and works in Riverside, Illinois, and has just completed a novel about match-fixing in Italian football. Contactsh.calamia@gmail.com   
2. La Chicago world’s fair tenuta al Jackson Park, sul Lago Michigan, si propone come il manifesto del Movimento della Città bella e fu progettata in gran parte da Frederick Law Olmsted e Daniel H. Burnham.

Proponiamo la lettura del testo in lingua originale  

Piano Generale di Riverside, 1869
In the United States, the concept of landscape architecture would be much different were it not for Frederick Law Olmsted. Best known for his work in designing New York’s Central Park, Olmsted was responsible for not only shaping the landscape of a growing country, but was also responsible for changing how Americans viewed public space. Perhaps one of Olmsted’s most dynamic achievements is the Chicago suburb of Riverside, Illinois, which is arguably the first planned community in the United States.

In 1673, French explorers Father Jacques Marquette and Louis Jolliet were returning from an expedition along the Mississippi River when Indian guides told them of a shortcut. Coming northeast from the Illinois River and up the Des Plaines River, they could portage their canoes a short distance to reach Lake Michigan, which offered a direct route home. This area would become known as the Chicago Portage: a crucial link for trappers and traders in a region that eventually would become the center of commerce for the Midwest. If not for the expedition of Marquette and Jolliet, and the guidance of local Indians, the city of Chicago might never have come to exist.

martedì 16 luglio 2013

Chi è abilitato a coordinare la VAS?


Uno dei temi centrali da affrontare quando si parla delle competenze professionali dei Pianificatori territoriali riguarda l'esistenza, o meno, di competenze esclusive che caratterizzano tale figura professionale. In materia di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), qualche tempo fa, è stato pubblicato un interessante articolo sulla rivista Urbanistica Informazioni, N. 238 (Luglio - Agosto 2011), dal titolo "Chi è abilitato a coordinare la VAS?", scritto da Giuseppe de Luca e Daniele Rallo, nella sezione relativa all'Associazione Nazionale Urbanisti Pianificatori Territoriali e Ambientali a cura di Alessandro Calzavara. In questo articolo, infatti, viene fatta chiarezza su quale sia la figura professionale con competenze in campo di VAS. 
La VAS è un processo finalizzato ad integrare considerazioni di natura ambientale nei piani e nei programmi per migliorare la qualità decisionale complessiva. L'obiettivo principale della VAS è valutare gli effetti ambientali dei piani e dei programmi prima della loro approvazione (ex-ante), durante (in itinere) ed al termine del loro periodo di validità (ex - post). Ma chi può seguire, redigere e coordinare, dal lato professionale, un procedimento VAS?

mercoledì 10 luglio 2013

Alfabeti di futuro

"Non immaginare il diverso futuro possibile, ignorare il futuro che vogliamo, ci mutila e ottunde nel presente." 
Danilo Dolci

Vi segnaliamo l'iniziativa "Alfabeti di futuro" che avrà luogo al Baglio Danilo Dolci alla Zisa di Palermo dal 12 al 14 luglio 2013. Le giornate prevedono momenti di incontro, spettacoli, mostre e degustazioni di prodotti locali. 

Clicca sull'immagine per visualizzare il programma

martedì 25 giugno 2013

L'Aquila e bilancio partecipativo

[Fonte foto: news-town.it]
La concretizzazione degli interventi ragionati e condivisi è il risultato che permette di dare credibilità alla parola "partecipazione", spesso impropriamente utilizzata. Oltretutto, un percorso partecipativo deve necessariamente confrontarsi con i cittadini interessati, tornando quanto più volte è necessario sulle criticità riscontrate e sulle soluzioni da intraprendere. Questo avviene anche nell'ambito del bilancio partecipativo, che permette di operare su alcune scelte del governo della città sia dal punto di vista economico che sociale, ambientale, urbanistico e culturale. 

Ma cosa si intende per bilancio partecipativo? e come è stato utilizzato nel Comune dell'Aquila? 
Un'intervista a Daniela Ciaffi (ricercatrice nel campo della sociologia dell’ambiente e del territorio, nonché autrice insieme ad Alfredo Mela del libro "Urbanistica partecipata") sul sito NewsTown ci permette di capirne di più e di dare uno sguardo ad alcune esperienze italiane. 

Per leggere l'intervista clicca sul seguente link:

lunedì 6 maggio 2013

Pianificazione del territorio: partire dai pianificatori del territorio

[Fonte foto: ecosistemaurbano.org]
Territorio, il Comune cambia. In arrivo un super dirigente. 
Una nuova maxi-struttura comunale che si occuperà di pianificazione del territorio. […] “la giunta - si legge in una nota di Palazzo delle Aquile - ha ritenuto di dovere procedere ad una più precisa distinzione fra gli ambiti relativi alle attività di progettazione e di pianificazione/gestione degli interventi sul territorio, e precisamente: ricondurre presso l’area della Pianificazione del territorio il Settore Edilizia privata; ricondurre presso lo staff della stessa area l’Ufficio Mare Coste, precedentemente presso il settore Opere Pubbliche”. […] “Questo provvedimento - afferma il sindaco Leoluca Orlando - ci permette di raggiungere, senza un aggravio di costi, un doppio obiettivo: quello di razionalizzare il lavoro di queste due importantissime aree operative e quello di rafforzare la capacità di progettazione e pianificazione in modo organico, con attenzione a tutti gli aspetti ed elementi del territorio, al suo sviluppo, alla sua tutela e valorizzazione”. 
(Giornale di Sicilia, Cronaca di Palermo, 7-4-2013)

lunedì 29 aprile 2013

Programma operativo di interventi intersettoriali del sistema territoriale formato da Palermo, Trapani, Termini Imerese e Marsala


[Rapporto finale Programma Operativo di Interventi intersettoriali]

Il 19 aprile scorso è stato presentato a Palermo il "Programma operativo di interventi intersettoriali (POI) del sistema territoriale formato da Palermo, Trapani, Termini Imerese e Marsala". Di seguito, una sintesi del workshop di approfondimento e dei progetti illustrati.

Il Comune di Palermo, infatti, è da tempo impegnato nell'elaborazione di tale programma nel contesto della Piattaforma Interregionale della Sicilia Occidentale (Territorio Snodo 2). Si tratta di un programma di medio - lungo periodo, patrocinato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, finalizzato allo sviluppo urbano e di area vasta, che individuale strategie di sviluppo locale in un'ottica di sistema, creando reti di alleanze e mobilitazione di risorse, pubbliche e private, intorno ad obiettivi strategici consapevolmente valutati e condivisi. 

lunedì 22 aprile 2013

Catania: XVII International C.I.S.Co Conference on Intermodal Transport




Si terrà a Catania, il 26 e il 27 aprile, la XVII Conferenza internazionale sul trasporto intermodale, presso il Monastero dei Benedettini in Piazza Dante, 32. Storicamente la Sicilia è stata il centro del mondo mediterraneo e punto di interscambio fondamentale fra le diverse tradizioni culturali che formano oggi l'Europa. Questo è il motivo per cui C.I.S.Co ha scelto questo crocevia del commercio mondiale e della cultura per organizzare una conferenza internazionale che favorisca lo scambio di nuove idee per promuovere il commercio internazionale, oggi ed in futuro.  

Per maggiori info e per il programma clicca qui

giovedì 11 aprile 2013

Quando la rigenerazione urbana provoca la gentrification locale


[Piazza Magione, fonte Amo Palermo]

Attraverso lo studio e l’analisi dei processi di trasformazione della città è stato possibile evidenziare alcuni fenomeni che sono caratterizzati da un’elevata mobilità demografica all’interno del tessuto urbano e da corrispondenti e significative trasformazioni a livello edilizio, determinando a sua volta eventi di rigenerazione urbana. Oggi sempre più, girando per le città italiane e soprattutto a Palermo, si nota come la rigenerazione urbana si stia sviluppando a macchia d’olio sul territorio edificato. Tale evento, provocato da una riqualificazione e da un recupero del contesto cittadino, è richiesto a gran voce soprattutto dai cittadini che vivono giorno dopo giorno la città. È un fenomeno multidimensionale, innovativo e integrato, in cui gli elementi di riqualificazione urbanistica ed architettonica si intrecciano strettamente con la cultura, l'economia e l'organizzazione sociale della città.

giovedì 21 marzo 2013

Palermo: workshop Progetto Territorio Snodo 2




Il 19 aprile 2013 alle ore 9.00 presso la Galleria d'Arte Moderna, P.zza Sant'Anna n. 21 a Palermo si terrà il workshop di approfondimento "Progetto Territorio Snodo 2": dal Nodo Metropolitano di Palermo alla Piattaforma della Regione Siciliana, relativo al Programma Operativo di Interventi intersettoriali del sistema territoriale formato da Palermo, Trapani e Termini Imerese nel contesto della Piattaforma Interregionale della Sicilia Occidentale.

Per maggiori info clicca qui

giovedì 28 febbraio 2013

Progetto Life+ 2013


E' stato pubblicato dalla Commissione Europea il nuovo bando Life+ 2013. La Commissione Europea invita a presentare proposte per la procedura di selezione LIFE+ del 2013. Le proposte possono essere presentate da enti pubblici e/o privati, operatori e istituzioni e riguardano i seguenti temi: Natura e biodiversità; Politica e governance ambientali; Informazione e comunicazione.

1. Natura e biodiversità: 
proteggere, conservare, ripristinare, monitorare e favorire il funzionamento dei sistemi naturali, degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatiche, al fine di arrestare la perdita della biodiversità, inclusa la diversità delle risorse genetiche, all’interno dell’UE. 

2. Politica e governance ambientali: 
cambiamento climatico: stabilizzare la concentrazione di gas a effetto serra ad un livello che eviti il riscaldamento del pianeta oltre i 2 gradi centigradi, 
acqua: contribuire al miglioramento della qualità delle acque attraverso l’elaborazione di misure efficaci sotto il profilo dei costi al fine di raggiungere un buono stato ecologico nell’ottica di sviluppare piani di gestione dei bacini idrografici a norma della direttiva 2000/60/CE (direttiva quadro sulle acque), 
aria: raggiungere livelli di qualità dell’aria che non causino significativi effetti negativi né rischi per la salute umana e l’ambiente, 
suolo: proteggere e assicurarne un uso sostenibile, preservandone le funzioni, prevedendo possibili minacce e attenuandone gli effetti e ripristinando il suolo degradato, 
ambiente urbano: contribuire a migliorare il livello delle prestazioni ambientali delle aree urbane d’Europa,IT 19.2.2013 Gazzetta ufficiale dell’Unione europea C 47/21